Terras Senhoriais – Azeite Vacinata

Grazie mille a Azeite Vacinata per averci inviato il loro olio EVO Terras Senhoriais.

AziendaAz. Vacinata
Anno di raccolta2019/2020
CultivarGalega, Madural, Picual and Cobrançosa
TerritorioCótimos village – Trancoso – Portogallo
Metodo di Raccolta
Metodo Di EstrazioneEstratto a freddo – Continuo
Degustato aLuglio 2020

Abbinamenti consigliati Olio EVO – Cibo

Il Portogallo è uno dei maggiori paesi che negli ultimi anni sta facendo passi da gigante nella produzione di Olio Extra Vergine di Oliva di qualità, per questo la degustazione dell’Olio EVO Terras Senhoriais non è stata tanto una sorpresa inaspettata bensì una piacevole conferma sulla bontà del lavoro che produttori come Azeite Vacinata stanno facendo sul loro territorio. La carta d’identità delle cultivar di questa bottiglia ci fa ben capire che ci troviamo nelle regioni settentrionali del paese: Galega e Cobrançosa si affiancano a Madural e Picual. Le note verdi di quest’olio EVO si combinano a sentori ben specifici e particolari che richiamano la frutta secca: mandorle, pinoli, anacardi. Il suo profumo ed il suo gusto presente ma non invadente lo rendono perfetto per accompagnare i primi piatti, ma anche per proseguire un pranzo o una cena a base di carne.

Noi abbiamo fatto “viaggiare” molto questa bottiglia per il nostro abbinamento, un po’ a ricordare i tempi in cui l’olio portoghese era apprezzato e esportato sia nel Vecchio che nel nuovo Mondo. Siete d’accordo con noi sulla ricetta che abbiamo scelto per Terras Senhoriais?

Analisi Visiva

L’olio appare leggermente velato pur conservando una buona luminosità sui toni del giallo limone, con profondi riflessi tendenti al verde lime.

Sentori Olfattivi

Al naso Terras Senhoriais è di media intensità, notevole la qualità dei suoi profumi. I sentori vanno da quelli più vegetali e verdi fino alla frutta secca, con note che ricordano a tratti la frutta fresca. Ritroviamo l’erba tagliata, l’oliva verde e le foglie dell’ulivo, la mandorla verde e un cespuglio di erbe aromatiche al sole quali menta, basilico e timo. Passando per accenni di carciofo, peperone verde e pepe verde arriviamo a frutta secca e pinoli. Sul finale abbiamo notato, oltre alla banana verde, un piccolo accenno a leggeri frutti rossi, come i ribes.

Gusto e aromi

Piccante

Amaro

All’assaggio troviamo quest’olio EVO gentile, ottimo per chi non ama le note amare e piccanti troppo spinte ma apprezza comunque la qualità e l’equilibrio di un buon olio extra vergine di oliva. L’olivo, la mandorla, il cardo, la lattuga e un leggero basilico sono gli aromi che ritroviamo, concordanti, tra naso e bocca. Durante l’assaggio le note amare arrivano prima di quelle piccanti (leggermente più evidenti) ma entrambe si mantengono su livelli medi e mai sopra le righe. Finale di bocca caratterizzato dalle note di frutta secca.

Amiamo abbinarlo con…

Scopri come abbinare al meglio l’olio EVO con i tuoi piatti nella nostra guida: Come abbinare l’olio extravergine con il cibo

Consigliamo l’abbinamento dell’Olio Extra Vergine di Oliva Terras Senhoriais dell’azienda Azeite Vacinata con carni bianche e rosse al forno o in umido, risotti e paste, bruschette di verdure, ricette con le uova come uova ripiene, al tegame o frittate di uova con verdure. E’ possibile apprezzarlo anche con bruschette e antipasti leggeri di verdure. I suoi aromi “verdi”, equilibrati e con ricordi di frutta secca lo rendono perfetto per le paste calde e fredde con pesti alla genovese, pesto alla trapanese, pesto alla calabrese, pesto di pomodori secchi e nocciole, salsa di noci, pesto mediterraneo a base di melanzane. Lo consigliamo con i risotti ai formaggi come il risotto alla parmigiana o ai 4 formaggi, ai risotti invernali come risotto alla salsiccia o ai funghi porcini (vuoi sapere come fare un risotto all’olio EVO senza burro?). Lo troviamo ottimo anche per zuppe e vellutate alla carota, ai carciofi o alla zucca. Un consiglio? Da abbinare ai canederli (gnocchi di pane) in bianco con lo speck! Se volete osare di più è un olio extra vergine di oliva che può essere adatto alla cucina orientale, a quella cinese per essere più precisi: ottimo per accompagnare ravioli di carne al vapore, spaghetti di riso e carne di pollo e maiale saltata in padella. Perchè non provarlo anche su alcune varianti delle Gukbap, le zuppe di riso coreane? Passando alla carne è perfetto per pollo o anche per i saltimbocca alla romana, la carne di vitello in generale, le costine di maiale, scaloppine ai funghi, polpettoni e polpette di carne mista al sugo, arrosti al latte, coniglio alla cacciatora.

Noi l’abbiamo provato con un pollo alle mandorle servito su una base di riso bianco. Le mandorle si sposano alla perfezione con i sentori di frutta secca di quest’olio extra vergine di oliva portoghese ed il suo fruttato medio con i suoi toni equilibrati di piccante e amaro ha legato i sapori in bocca senza coprire troppo le note delicate e dolci del pollo e del riso.

Azeite Vacinata

La storia dell’olio extra vergine di oliva Vacinata inizia nel XII-XIII secolo, intorno al castello Vacinata. Dai loro uliveti, le olive vengono raccolte e spremute a freddo nel proprio frantoio, nel villaggio di Cótimos. Trasmettono la loro storia in ogni singola bottiglia. Sulle alture del castello di Vacinata, possiamo trovare il frantoio Ramos Lagar Lda., che produce l’olio d’oliva Vacinata dai propri uliveti. La priorità del frantoio è la qualità dell’olio d’oliva che si adatta perfettamente alla propria dieta e fornirsce i suoi benefici grazie alla conservazione di tutte le proprietà nutrizionali ed organolettiche. A Ramos Lagar Lda, puoi produrre il tuo olio d’oliva mediante spremitura classica o a freddo. La sua linea di produzione consente entrambi i metodi senza tempi di attesa troppo lunghi poiché la sua capacità produttiva è di sei tonnellate all’ora. Sebbene produca olio d’oliva Vacinata, il frantoio consente alle persone di venire e offrire le sue olive in vendita e chiedere la loro frangitura in olio d’oliva. Questa attività valorizza la regione circostante offrendo se stessa alle comunità circostanti e a coloro che vogliono spremere le proprie olive, facendo crescere l’olivicoltura.

Azeite Vacinata Largo do Rossio 22 6420-351 Cótimos Trancoso – Guarda Portogallo Telefono: +33 6 45 86 23 60 E-mail: gerencia@vacinata.pt Az. Vacinata website

Territorio & Regione

Guarda

Il Distretto del Guarda è una regione portoghese del Nord Est, compresa all’interno della zona di produzione olivicola DOP Azeites da Beira. E’ una delle regioni portoghesi che, nel tempo, hanno saputo produrre oli di oliva di qualità esportati in tutta Europa e nei mercati oltre oceano. E’ bagnata dal famoso fiume Duoro e Guarda è la città più alta del Portogallo continentale (1,056 mslm). Come molte altre regioni mediterranee qui l’olio ha avuto e detiene tuttora un valore economico, sociale e storico importantissimo anche a livello gastronomico. E’ alla base di molte ricette (anche dolci) popolari ed è uno dei rimedi naturali a molti disturbi e piccole malattie stagionali e passeggere. Scopri le altre regioni.

Cultivar

Galega & Cobrançosa

La Galega è una delle Cultivar storiche del Portogallo, apprezzata per la sua resistenza alla siccità ma ad oggi meno utilizzata negli uliveti più moderni perché poco adatta alla raccolta meccanizzata. E’ ottima anche come oliva da mensa, nella sua versione nera e secca, ed è diffusa soprattutto nella zona settentrionale del paese, ma si può trovare anche verso le zone più meridionali del centro. Ha una maturazione precoce ma il periodo esatto può variare e dipendere dal territorio in cui è coltivata.

La Cobrançosa è la Cultivar portoghese maggiormente presente nelle zone continentali e settentrionali del paese, nella regione del Trás-os-Montes (Alto Douro). E’ infatti molto resistente al freddo ma soffre caldo e siccità. Ha una produttività alta e può essere utilizzata per la raccolta meccanizzata in quanto i suoi frutti si distaccano facilmente dalla pianta, per questo la troviamo anche nelle zone dell’Alentejo all’interno dei nuovi impianti intensivi e superintensivi. Scopri le altre cultivar.